Gianni Mura

Giovanni Diego “Gianni” Mura (Milano, 9 ottobre1945Senigallia, 21 marzo2020) è stato un giornalista e scrittoreitaliano.

Gianni Mura nel 2010

. . . Gianni Mura . . .

Nacque in Lombardia da padre Carabiniere originario di Ghilarza, nell’Oristanese, il quale aveva cambiato cognome da «Porcu» a «Mura»,[1] e da madre insegnante di scuola elementare.[2][3] La sua formazione si indirizzò verso gli studi classici, compiuti al Liceo Ginnasio Statale Alessandro Manzoni.[3]

Tifoso interista in adolescenza, abbandonò tale fede nell’estate 1961, dopo la cessione di Angelillo alla Roma.[4] Nel novembre 1964 ottenne un posto da praticante al quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport, all’epoca diretto da Gualtiero Zanetti, grazie alla segnalazione del proprio istituto che era uso proporre i migliori studenti in italiano alla testata;[3] intanto si iscrive all’Università, presso la facoltà di Lettere moderne. Quello che doveva essere un impiego temporaneo diventa il suo posto di lavoro per otto anni.[5] Durante il periodo alla Gazzetta lavorò dapprima come corrispondente per incontri di calcio di differenti categorie, e dal 1965 divenne corrispondente al seguito del Giro d’Italia.[6]

Dato il suo impegno come giornalista, rinunciò agli studi per dedicarsi pienamente alla professione.[3] Si iscrisse all’Ordine dei Giornalisti della Lombardia il 14 aprile 1967,[5] successivamente firmò articoli anche per il Corriere d’Informazione, Epoca e L’Occhio.[5] Nel 1976 iniziò la collaborazione con la Repubblica;[5] segue i Giochi olimpici di Montreal,[3] e nel 1983 diventò membro fisso della redazione.[3] Per tutta la durata del campionato italiano di calcio, tenne una rubrica domenicale intitolata Sette giorni di cattivi pensieri. Sul settimanale Il Venerdì si occupò invece di recensioni enogastronomiche, insieme con la moglie Paola,[5] nella rubrica dal titolo Mangia e bevi. Nel 1998 fu nominato presidente della giuria del premio L’Altropallone, riconoscimento simbolico sportivo per la pace e la solidarietà.[7] Per oltre un ventennio, dal 1997 al 2019, curò — sempre per la Repubblica — un editoriale noto come Intervista al campionato nel quale esprimeva i propri pronostici alla vigilia di ogni torneo di Serie A.[8]

Mura (a sinistra) e Gianni Brera a Milano nel 1975

Nel maggio 2007 uscì il suo primo romanzo, Giallo su giallo, vincitore nello stesso anno del Premio Grinzane – Cesare Pavese per la narrativa,[9] ambientato durante lo svolgimento del Tour de France,[9] corsa che il giornalista segue da tempo.[10] Alla stessa corsa, raccontata da alcuni suoi articoli al seguito della Grande Boucle, dedicò l’anno seguente il libro La fiamma rossa. Storie e strade dei miei Tour.[11]

Nel 2011 diventò direttore, insieme a Maso Notarianni, di E – Il mensile, rivista di Emergency, che terminerà le pubblicazioni il 25 luglio 2012.[12] In questo stesso anno pubblicò il suo secondo romanzo, Ischia, che ha per protagonista il commissario Magrite. Tra il 2015 e il 2020 tenne una rubrica sul periodico Scarp de’ tenis intitolata Le storie di Mura.

Ricoverato per un malore all’ospedale di Senigallia nel marzo 2020, si spense a 74 anni per un attacco cardiaco.[13] Il 2 novembre dello stesso anno il suo nome venne iscritto nel Famedio di Milano.[14]

. . . Gianni Mura . . .

Questo articolo è tratto dal sito web Wikipedia. L’articolo originale potrebbe essere leggermente accorciato o modificato. Alcuni link potrebbero essere stati modificati. Il testo è concesso in licenza sotto “Creative Commons – Attribution – Sharealike” [1] e parte del testo può anche essere concesso in licenza secondo i termini della “GNU Free Documentation License” [2]. Termini aggiuntivi possono essere applicati per i file multimediali. Utilizzando questo sito, accetti le nostre pagine legali . Collegamenti web: [1] [2]

. . . Gianni Mura . . .

Previous post Sala del Regno
Next post Gibellina