Ferdinand Kinsky von Wchinitz und Tettau

Ferdinand, V principe Kinsky von Wchinitz und Tettau (de: Ferdinand Johann Nepomuk, 5. Fürst Kinsky von Wchinitz und Tettau; 5 dicembre 17813 novembre 1812), fu il V Principe Kinsky von Wchinitz und Tettau.

Questa voce o sezione sull’argomento nobili austriaci non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.

Ferdinand
V Principe di Wchinitz und Tettau
Nascita Vienna, monarchia asburgica, 5 dicembre 1781
Morte Veltrusy, regno di Boemia, 3 novembre 1812
Padre Joseph, IV Principe Kinsky von Wchinitz und Tettau
Madre Contessa Rosa von Harrach zu Rohrau und Thannhausen
Consorte Baronessa Maria Charlotte von Kerpen
Figli Rudolf, VI Principe Kinsky von Wchinitz und Tettau
Conte Joseph Sidonius

. . . Ferdinand Kinsky von Wchinitz und Tettau . . .

Ferdinand nacque a Vienna come maggiore dei figli maschi di Joseph, IV Principe Kinsky von Wchinitz und Tettau (1751–1798) e della Contessa Rosa von Harrach zu Rohrau und Thannhausen (1758–1814). Divento Principe alla morte di suo padre nel 1798. Nel 1809 diventò uno dei più importanti mecenati di Ludwig van Beethoven.

Ferdinand sposò l’8 giugno 1801 a Praga la Baronessa Maria Charlotte von Kerpen (1782–1841), seconda delle tre figlie del Barone Franz Georg von Kerpen, e di sua moglie, la Baronessa Maria Antonia von Hornstein-Göffingen.

Ebbero due figli:

Cavaliere dell’Ordine Militare di Maria Teresa

. . . Ferdinand Kinsky von Wchinitz und Tettau . . .

Questo articolo è tratto dal sito web Wikipedia. L’articolo originale potrebbe essere leggermente accorciato o modificato. Alcuni link potrebbero essere stati modificati. Il testo è concesso in licenza sotto “Creative Commons – Attribution – Sharealike” [1] e parte del testo può anche essere concesso in licenza secondo i termini della “GNU Free Documentation License” [2]. Termini aggiuntivi possono essere applicati per i file multimediali. Utilizzando questo sito, accetti le nostre pagine legali . Collegamenti web: [1] [2]

. . . Ferdinand Kinsky von Wchinitz und Tettau . . .

Previous post Vetro cristallo
Next post Black (drama coreano)